26
Ago

Stiamo vivendo un momento storico molto particolare. Al timone ci sono persone che derivano dall’educazione televisiva e poco critica. I danni fatti dalla tv commerciale nello sviluppo del pensiero critico appiattendolo e uniformandolo hanno creato danno irreparabili alla società. Oggi ci troviamo davanti a una pletora di sociocentroci. Il Sociocentrismo (o etnocentrismo): è la tendenza umana innata a vedere il mondo dalla prospettiva ristretta e fuorviante del gruppo cui si appartiene, e agire conseguentemente nel mondo attraverso credenze del gruppo. Quando si appartiene a un gruppo forte, inoltre si tende a sminuire l’opinione altrui fortificati dalla forza del gruppo, spesso maggioranza. Nell’eta’ adulta si tende a sostituire parte dell egocentrismo del bambino con il sociocentrismo. I sociocentrici non dibattono, preferiscono denigrare e isolare, usando ogni metodo possibile. I sociocentrici non sviluppano pensiero critico, ma subiscono e si adattano velocemente pur di trovare conforto dal sentimento di appartenenza. Questo annullamento del pensiero critico ridurrà la possibilità di sviluppo della nostra società rendendola vulnerabile a forti pressioni e tendenze, un po’ come un grande fratello al comando. Inutile elencarvi gli innumerevoli esempi che scorrono davanti ai miei occhi. Cercateli nella fotografia sociale. Sono sempre stato critico. Ho voluto avere nella vita diverse esperienze per ascoltare il mondo. Mi sono seduto di fianco al mendicante per capirne le ragioni, ho lavorato per aziende per capire come funziona il business del farmaco, ho voluto capire come funziona la ricerca in ambito universitario e ho così accresciuto il pensiero critico, non solo per proteggere me stesso, ma soprattutto il prossimo. Scelsi di rimanere sempre libero. L’alba è stata superata, il sole oramai illumina la nuova era.

Leave A Comment