03
Ago

Uno dei motivi per cui ho deciso di accettare di candidarmi per Fratelli d’Italia è stato sicuramente l’impellente sentimento che le nostre libertà erano in pericolo. Non voglio risultare salvifico e onnipotente con questa frase, ma la graduale riduzione della carreggiata che rappresenta le nostre scelte, fino ad arrivare ad una unica, è rischiosamente vicina.

Frasi ascoltate da chi ci governa come, sarete più liberi se controlliamo o vi induciamo a una certa scelta. La libertà personale finisce dove non arreca danno ad altri .( senza specificare quale e senza che fosse realmente definito tale danno ), sono pericolose e aperitivo di una cena che sta per essere imbandita a cui tutti ci dobbiamo opporre, compreso l’ultimo green pass per le attività.

Vedete è  la storia che insegna, non sono le mie ininfluenti idee.

È questa aria di sinistra che ha preso il sopravvento in America, in Europa e in Italia che mi preoccupa.

Un’aria non realmente utile all’uomo in quanto ideologia totalizzante, dove qualunque cosa viene giustificata pur di sopraffare e controllare.

Si controllano i mezzi di comunicazione, non si da la parola a chi può esprimere un pensiero diverso perché ritenuto eretico e non in linea con il pensiero imposto.

Ascoltate bene queste frasi che sono state pronunciate da politici e giornalisti:

“certa gente non dovrebbe parlare in televisione”

“bisognerebbe chiuderli in casa come sorci”

“togliamo loro il diritto all’assistenza sanitaria e se la pagano se si ammalano”

“gente senza cervello questi nobrain riferendosi a chi faceva domande sui vaccini”

“che i candidati politici siano solo doppiamente vaccinati”

“forse non sarebbe il caso di concedere il voto solo a chi possiede il green pass ?”

E potrei continuare con innumerevoli altre che a me sanno tanto di FANATISMO.

Al pari di quello religioso esso se portato all’estremo può fare dei danni irreparabili alla società. L’estremismo religioso come quello politico hanno avuto conseguenze in passato reprimevoli, dove ci si addolora solo dopo che il danno è stato fatto.

L’estremismo islamico oggi come quello cristiano di qualche secolo fa, miete vittime solo perché giustificato da un Dio che motiva ogni azione purché porti a compimento un credo. Cosi la politica lo ha fatto con il nazismo, ma anche con il tanto nascosto comunismo che ha portato alla deportazione e uccisione di milioni di dissidenti al sistema. Spesso solo per uniformare la società non all’individuo, ma alla collettività.

Questa è una fondamentale differenza ad esempio tra il mio pensiero e quello di sinistra. Io credo che l’individuo con tutte le sue caratteristiche debba poter essere esaltato e orientato con la cultura e non con l’imposizione dettata da un desiderio di uniformare la società a loro somiglianza.

Viviamo in una follia sociale che mette a rischio i nostri diritti, ma anche la nostra storia. Essere politicamente corretto viene messo davanti a tutto fino a far avvenire cose in questi anni veramente assurde come:

-voler cambiare le favole perché ritenute deformanti del pensiero

-voler censurare film perché ritenuti oltraggiosi per il sesso femminile o per le persone di colore

-voler coprire le statue e le opere d’arte italiane alla visita di un capo di stato che si sarebbe potuto offendere alla vista di cotanta espressiva arte

-voler censurare pitture e sculture su internet perché oltraggiose

-voler censurare e chiudere canali personali perché ritenuti non in linea con il pensiero di sinistra

Ci si deve opporre a questa costruzione di una societa’ tutta uguale e controllata con uno tsunami  di destra non estrema, ma destra liberale che si impegna a tutelare le individualità e la vostra libera scelta anche se sbagliata.

La sinistra abbaglia con scelte di facciata a loro dire umane come l’accoglienza degli immigrati o le battaglie per i diritti degli omosessuali fino all’estremo. Ma vi posso assicurare che questi loro interessi di facciata non hanno alcuna reale attenzione a risolvere i problemi del mondo.

Sarà invece a mio avviso proprio dalla destra che verrano soluzioni definitive a questi dolorosi argomenti con proposte pratiche che non passino dai finanziamenti delle ONG e gli aiuti a pioggia spesso poco trasparenti. Oppure dalla capacità che ha sempre avuto la sinistra di utilizzare il sistema giudiziario corrotto per incastrare i nemici politici ( conosciuto, ma di cui pochi parlano ), o le diverse operazioni economiche legate alla gestione Covid negli ospedali . O le cose che la sinistra continua a fare nelle stanze segrete senza mai render nota la verità su annose questioni sociali che condizionano la vita di tutti noi.

Non c’e’ nulla di questa sinistra moderna che mi piaccia, mi puzza troppo di passato, mi sa più di lupo travestito da agnello che altro. Il mio sentimento invece è che la destra cui mi appoggio per la mia candidatura a Torino è una destra che ha a cura l’individuo e che insegna ad amare e a vivere o morire per loro. Non rinuncio a un abbraccio o alla stessa vita per morire prima del tempo. Non si deve mai rinunciare alla nostra libertà anche se questo comporta dei rischi, sono rischi che è giusto e doveroso correre. Persa la libertà avrete perso la felicità e con essa lo scopo della vita

Marco Zanetti

Previous Post

Leave A Comment